Ultima modifica: 28 Giugno 2020

Avvio nuovo anno scolastico 2020/’21

Informazioni per l’avvio del nuovo anno scolastico

Si sta avvicinando la fase conclusiva di questo particolare anno scolastico che ci ha visti impegnati, come famiglie, servizi territoriali e scuola, su più fronti, tutti  segnati da un denominatore comune individuato come tutela del bene pubblico. E’ stato un anno denso di novità e di ricerca, appesantito dall’emergenza pandemica che ci ha costretto all’individuazione di risposte didattiche ed operative in gran parte nuove, alla sospensione di tutte le attività progettuali programmate, nel rispetto dei molteplici DPCM e delle note ministeriali. Diverse iniziative erano previste dal nostro calendario, ma a causa del Covid-19, siamo stati costretti a ripensare il tutto.

Qualche volta assaporiamo il valore della Scuola, degli ambienti, delle persone  e dei servizi, solo quando questi vengono a mancare. A chi non è mai capitato di pensare al servizio scolastico, al proprio lavoro, magari vissuto prima con pesantezza, per riscoprirlo ora nel suo valore profondo? Fosse anche come semplice occupazione del tempo quotidiano? Del resto non avremmo mai potuto immaginare cosa sarebbe capitato in Italia e nel mondo intero… Un virus ci ha costretto alla chiusura in casa, al blocco di interi Paesi, con un impatto sanitario, economico e sociale imprevedibile.

Ripensare il futuro, in questa fase di incertezza non è cosa da poco…

 

Alcuni potrebbero, con facilità, presentare garanzie… In altri periodi li potremmo identificare come quelli che sparavano contro, che quando soffiava il vento del cambiamento, costruivano muri e palizzate. Oggi il nostro tempo è segnato dalla complessità e, volenti o nolenti, ci dobbiamo fare i conti ogni giorno. Tra le mille normative, le svariate situazioni, le innumerevoli richieste e interpellanze, le doverose tutele e le impegnative scadenze amministrative. La quotidianità è anche questo… Le garanzie scarseggiano, le certezze pure… Abbiamo di fronte una lunga fase di convivenza con una forte crisi che, se sapremo vivere nei valori dell’Ospitalità, della Responsabilità e della Comunità, ci potrà donare anche del bene.  Il rispetto e la condivisione di queste tre colonne portanti ci saranno sicuramente di aiuto per il futuro che, già da oggi, stiamo costruendo.

 

1. Cosa ha fatto la nostra scuola ?

Preso atto delle indicazioni normative relative alla sospensione delle lezioni in presenza per motivazioni di emergenza pandemica da Covid-19, il nostro Istituto Comprensivo  si è attivato da subito con comunicazioni tempestive pubblicate sul sito scolastico.

A livello strumentale e operativo:

Utilizzo del Registro elettronico: la nostra scuola ha implementato la struttura della piattaforma del registro elettronico, presente da parecchi anni, con l’attivazione di una Bacheca didattica per l’accesso alle discipline, ai materiali e alle video-lezioni. Essendo presenti più ordini scolastici sono state individuate le modalità più consone per permettere ai docenti di proporre iniziative e interventi didattici sempre più strutturati  e adeguati alla situazione.

-Rilevazione DaD: un modulo online dove si invitavano i genitori a dichiarare l’andamento della Didattica a Distanza dopo circa un mese dall’attivazione, a segnalare suggerimenti e indicazioni di miglioramento. I dati registrati sono stati presentati nel Collegio Docenti, nel Consiglio di Istituto e pubblicati sul sito scolastico.

-Rilevazione strumentazione tecnologica delle famiglie:  la scuola ha predisposto una rilevazione on line per raccogliere la richiesta delle famiglie sprovviste di pc, tablet o altra strumentazione utile per partecipare alla Didattica a Distanza. I dati registrati, dopo una verifica incrociata con la rilevazione presentata dai docenti, sono stati tabulati secondo criteri di priorità indicati dalle note ministeriali.

Dopo la mappatura e il controllo delle situazioni raccolte, è stata effettuata la consegna alle famiglie, con l’aiuto della Protezione Civile. si ricorda che la strumentazione è di proprietà della scuola e le famiglie ne usufruiscono in comodato d’uso gratuito per un tempo definito. Sono stati consegnati alle famiglie richiedenti   n. 47  pc portatili  e  n. 30 tablet.

Quasi tutte le richieste presentate online dai genitori, hanno ottenuto risposta favorevole, beneficiando quindi della strumentazione necessaria.

-Consegna materiale scolastico presente a scuola:  i docenti e tutto il personale scolastico si è attivato per restituire il materiale lasciato a scuola nel periodo di sospensione delle lezioni. Il nostro doveroso grazie per la disponibilità, perché sappiamo che non è capitato in tutte le scuole. Passando nei corridoi tutto risultava fermo e allestito per il periodo del Carnevale. Le aule erano silenziose, in attesa di una ripresa a breve che non si è avverata. Ecco perché, dopo aver attuato le opportune attenzioni sanitarie, gli insegnanti, hanno potuto far richiesta per rientrare in sicurezza, in modo da preparare il materiale degli alunni in vista della restituzione alle famiglie.

-Attenzione all’aspetto inclusivo e non esclusivo: il personale scolastico si è mosso nel rispetto della normativa, nella tutela e sostegno delle situazioni fragili, attivando azioni possibili a garanzia del diritto alla salute e alla partecipazione alla vita scolastica.

Altre numerose azioni per far proseguire, nel limite della situazione emergenziale, l’attività scolastica e le iniziative previste in questo ultimo periodo scolastico.

 

A livello didattico:

Per la scuola dell’Infanzia, ogni plesso ha attivato dei padlet con attività mirate per i tre, quattro e cinque anni. Proposte e video-registrazioni con accesso libero, letture animate dalle insegnanti.

Per la scuola Primaria, le classi hanno utilizzato la piattaforma d’Istituto trovando nella Bacheca didattica  lavori e restituendo attività svolte, planning settimanali e produzioni individuali.

Per la scuola Secondaria di I grado, l’attivazione della Didattica a Distanza è stata più semplice perché gran parte delle classi aveva già predisposto la struttura operativa di lavoro negli anni precedenti. Il lavoro e la presenza non sono mancati.

-A livello scolastico: 

Nel secondo quadrimestre sono stati attivati incontri on-line di alcune Commissioni e gruppi di lavoro, lo Staff si è ritrovato regolarmente, le riunioni del Collegio Docenti e del Consiglio di Istituto, collaborazioni con altri ordini di scuola, con l’Amministrazione comunale e con gli specialisti territoriali.

Nel mese di maggio i docenti si sono riuniti per la formulazione del Piano di integrazione degli apprendimenti, per concordare le attività previste nel Piano individuale degli apprendimenti che costituiranno l’attività ordinaria a partire dal primo settembre del nuovo anno scolastico, con forme e modalità ancora da dettagliare nello specifico.

Sono state elaborate e proposte all’approvazione del Collegio Docenti le Rubriche di valutazione con riferimento alle modalità e ai criteri di valutazione del percorso. Nello specifico, per le classi della scuola Primaria e Secondaria di I grado, i docenti hanno deliberato una valutazione basata sull’attività didattica effettivamente svolta, in presenza e a distanza, che tenga in considerazione la partecipazione, l’approccio al compito, la responsabilità nell’utilizzo degli strumenti informatici e tecnologici, la capacità di gestire situazioni nuove e di mantenere l’impegno nel tempo.

Con l’ordinanza ministeriale del 16 maggio 2020 il Collegio si è riunito nuovamente per definire criteri di attribuzione del voto finale ed esplicitare alle famiglie l’adeguamento dei documenti presenti sul sito relativi alla valutazione,  con la successiva  integrazione e aggiornamento al PTOF.

Quindi la Valutazione a Distanza, tenendo presente la situazione di emergenza e le condizioni dei diversi nuclei familiari, evidenziando il valore formativo e la personalizzazione degli approcci educativi, terrà conto del singolo percorso dell’alunno, dei punti di forza e degli aspetti di fragilità incontrati che hanno determinato la partecipazione e l’interesse evidente dell’alunno nell’affrontare gli apprendimenti a distanza. Il voto nelle singole discipline, sarà accompagnato, come i precedenti anni, da un giudizio globale, comprensivo del comportamento attuato, rimodulato alla luce dell’esperienza della Didattica a Distanza.

Una particolare riflessione è stata indirizzata agli alunni in passaggio di ordine scolastico, per i quali le buone intenzioni progettuali di inizio anno hanno dovuto lasciare il posto all’effettiva traduzione essenzializzata delle pratiche ordinarie. Non meno la straordinarietà di un esame di Stato per i ragazzi delle classi terze, ha condotto ad una definizione dei nuovi parametri e criteri di valutazione degli elaborati, una riorganizzazione dei saperi per incontrarsi su basi comuni dalle quali partire per la gestione della presentazione online da parte degli studenti.

 

 

2. Cosa sta facendo la nostra scuola per il futuro ?

Vi possiamo confermare che, nonostante il particolare periodo di emergenza, stiamo facendo il possibile per garantire le migliori soluzioni che tengano presente i vari aspetti che ci coinvolgono. L’obiettivo prioritario in questo momento è quello di poter rientrare a scuola a settembre in piena sicurezza. Il tempo ci indica che serve il contributo e l’aiuto di tutti perchè le cose possano evolvere al meglio.

-Accesso, predisposizione ambienti e tempo scolastico. Siamo nell’attesa del documento con le Linee guida sulla riapertura, derivanti dalla doppia indicazione del Comitato Tecnico Scientifico e del Comitato ministeriale. Appena possibile sapremo fornirvi indicazioni organizzative nel rispetto delle normative scolastiche e sanitarie. Sono stati avviati incontri con l’Amministrazione locale e l’Ufficio territoriale per ipotesi di rientro. Sicuramente, considerate le situazioni, si prevedono cambiamenti e attenzioni nuove. Siamo certi che, come in passato, avremo bisogno della vostra comprensione e collaborazione.

-Quota “Senza Zaino”.

Nel modello organizzativo SZ è prevista una quota di compartecipazione per l’acquisto del materiale necessario agli alunni. Il versamento della quota SZ non è richiesta in questo momento. La quota del Senza Zaino per l’anno scolastico 2020/2021 verrà raccolta dal mese di settembre secondo le modalità che verranno successivamente comunicate. Si invita a tener monitorato il sito scolastico per eventuali comunicazioni in merito.

-Future classi prime. In questo periodo la Commissione Continuità sta lavorando per la composizione delle future classi prime della scuola Primaria e Secondaria di I grado. La segreteria e lo Staff scolastico hanno predisposto quanto necessario per attivare soluzioni possibili. Per tutte le classi, in special modo per le prime, stiamo predisponendo una futura riorganizzazione che presenteremo appena possibile, nel rispetto delle linee guida ministeriali e delle indicazioni dei organi competenti. Si ricorda che la pubblicazione degli elenchi delle future classi prime avverrà nei primi giorni di settembre.

 

Ci sarebbe piaciuto poter annunciare un rientro per settembre ordinario e senza particolari accorgimenti. Siamo consapevoli che sarebbe piaciuto a molti poter entrare a scuola, per la prima volta, o ripetendo un rituale di accesso carico di emozioni, di sogni e di titubanza, senza limitazioni o specifiche restrizioni. Attualmente questo è poco probabile…

Certi che ci stiamo già attivando per il rientro di tutti i protagonisti della comunità scolastica, ci auguriamo un inizio in tranquillità.

Buona estate!

 

La Dirigente e lo staff  IC Leno